Democrazia e Sviluppo - Il Blog

Posts Tagged ‘basilicata’

ESERCIZI PREELETTORALI PER L’ELETTORE LUCANO DI CENTRO-SINISTRA

In Regionali Basilicata on February 22, 2019 at 11:45 am

1. Non trattenete la risposta: “E allora i 5 stelle?!?!?” alle obiezioni: “Il Pd candida uno di destra” o “Trerotola non ha competenze” o rischierete di farvi scoppiare le vene delle tempie.

DIFFICOLTÀ: **

2. Convicersi che sul profilo del candidato Trerotola, rimosso da facebook il giorno della candidatura, fossero pubblicate solo foto gattini, e condivisi unicamente articoli per il corretto uso del clistere.

DIFFICOLTÀ: ***

2. Ripetete tre volte al giorno che anche se ogni lista collegata al candidato Governatore sta presentando un proprio autonomo programma, il problema sono Grillo e Salvini, e il centro-sinistra si è unito coraggiosamente per salvarci da loro, e che dopo le elezioni non torneranno a litigare per le poltrone come negli ultimi 8 anni, ma faranno solo ed esclusivamente il bene della nostra terra. Come negli ultimi 8 anni.

DIFFICOLTÀ: *********

3. Il voto di scambio non esiste. Ripeto: il voto di scambio non esiste.

DIFFICOLTÀ: *

4. Convincetevi che quel contributo di 1000 euro alla vostra associazione/attività, ottenuto per intercessione di xxxx, valga molto di più dei posti di lavoro creabili con il buon governo, della qualità delle infrastrutture, della vostra salute e del futuro dei vostri figli. Se non ci riuscite, tornate al punto precedente e riprovate.

DIFFICOLTÀ: *******************

5. Dal 25 marzo potrete tornare su Facebook a parlar male di Pittella, tanto non conterà più nulla. Se vi torna difficile crederlo, tornare al punto 1. e riprovate.

DIFFICOLTÀ: MISSION IMPOSSIBLE

I potentini vogliono portarsi a Potenza pure il webbe!

In Ritratti on December 24, 2016 at 9:26 am

​Il fatto è questo: da giorni girano screensciotti di un gruppo facebook di potentini che sta tramando per cambiare l’immagine di apertura della pagina della Basilicata sul famoso sito Wikipedia, mettendone una che ritraesse Potenza. Questa fissa fonda sul prestesto (falso, ad esempio per la Puglia c’è la foto di Castel del Monte) che nelle altre Regioni la foto di apertura dell’enciclopedia online rappresenti necessariamente il capoluogo. Mentre invece quella della Basilicata – sacrilegio! – ritrae quella amena e sconosciuta cittadina provinciale che è Matera, collocata in Basilicata quasi suo malgrado.


Nei vari tentativi di “piratare” la pagina (tra virgolette perchè è un’operazione lecita e anzi alla base del meccanismo di funzionamento del sito), si sono visti opporre strenua resistenza da un anonimo gruppo di valorosi partigiani materani smanettoni, che con sprezzo del pericolo, ha risposto agli attacchi colpo su colpo, rimettendo la foto dei Sassi ogni volta che veniva cambiata con quella del palazzo della Regione (mamma mia, ragazzi, almeno un po’ di buon gusto).

Alla fine pare siano stati bannati da Wikipedia. Non avranno quindi più la possibilità di compiere la missione (!) di portare a Potenza, dopo il Capodanno Rai, pure la pagina wikipediana della Basilicata. Qualunque cosa possa voler significare tutto ciò. 

Anche se adesso, pare, stiano meditando di cedere alla mediazione che la foto possa rappresentare se non il capoluogo, quantomeno un sito della provincia potentina. 

Una generosa concessione, non si può negare.

Suggerisco però di aprire su Wikipedia una pagina che elenchi le infinite declinazioni del termine “trimoni“; mi pare evidente che in questo senso abbiano esperienza da vendere, e la mission di Wikipedia è proprio che la mettano a disposizione dell’umanità!

Disclaimer: inutile precisare che stimo che questi testoni non rappresentino in alcun modo i potentini, anche se loro credono di farlo. La politica regionale dovrebbe però forse riflettere un po’ di più sulle dinamiche che in generale le loro decisioni innescano, sia nel mortificare l’orgoglio e le legittime aspettative dei materani, che nell’alimentare inutilmente l’ego di qualche corregionale…

Verri-Emiliano: la fine del sogno Matera-Basilicata 2019?

In #MT2015 - #MT2019 on December 19, 2015 at 10:16 am

tw

Articolo pubblicato anche su il Quotidiano di Basilicata del 20/12/2015.

Paolo Verri va in Puglia, ma questa volta senza particolare clamore. A riprova del fatto che quando i processi sono gestiti dalla politica, si riescono comunque a prevenire polemiche e malumori.

Tuttavia le perplessità restano.

E’ vero che pochi mesi fa l’annuncio che Emiliano volesse Verri in Puglia aveva scatenato speculazioni sul fatto che la storica guida dei successi di Matera 2019 potesse lasciare Matera, verosimilmente in polemica per i mai troppo nascosti contrasti con la nuova amministrazione comunale; oggi sembra invece pacifico che si occuperà di entrambe le cose.

E’ vero che pochi mesi fa sembrava che Emiliano e Verri l’avessero fatta di nascosto a De Ruggieri e Pittella, i quali per la verità avrebbero forse ben poco protestato; e che oggi invece le parti pare abbiano trovato la quadra insieme.

La perplessità riguarda il fatto che consegnando di fatto Matera alla Puglia, si sia rinunciato allo sviluppo di un progetto che doveva essere Matera-Basilicata 2019, per abbracciarne un altro: Matera-Puglia 2019. E non è che sia la stessa cosa.

Un anno fa infatti, sulla scia della vittoria di Matera nella competizione #Ecoc2019, in molti avevamo auspicato che potesse essere occasione e volano di crescita e di investimenti infrastrutturali per tutta la Basilicata. Al netto di sciocche visioni e polemiche campanilistiche, la scelta di Pittella e di Emiliano segna dunque la fine del sogno di vedere la Basilicata (entro il 2019) finalmente libera dall’isolamento con il resto del Paese, efficacemente collegata al suo interno, pienamente sviluppata in tutti i suoi numerosi punti di interesse turistico-culturali?

Forse sì. Forse il Presidente della nostra Regione ha ritenuto impossibile il compito di attrezzarla in tempo per l’evento. O troppo oneroso lo sforzo richiesto. Meglio allora utilizzare la piattaforma pugliese, già quasi pronta e di certo già collaudata?

Matera rischia però così di trasformarsi da porta di ingresso alla Basilicata, ad accessorio di lusso della Puglia. Il che a ben vedere per i materani può essere un vantaggio, o alla peggio, del tutto indifferente.

Ma è un peccato che non si voglia, per volontà politica, sfruttare l’occasione strategica che il 2019 offre, ed estendere a tutta la Basilicata, la luce che Matera invece, rischia di riflettere solo verso la già luminosa Puglia.

Close