Close

Democrazia e Sviluppo - Il Blog

Il Movimento gettato in acqua va in tilt

In Politica Italiana on September 7, 2016 at 10:03 am

Possiamo dire che metter su un partito senza idee, non sia poi una così buona idea. Si può certo cedere alla tentazione di dare rappresentanza a tutti quelli uniti unicamente dalla “voglia di cambiamento” o meglio ancora da tutti quelli che sono “contro questa politica” senza fornire o chiarire la reale e solida alternativa. 

La prossima volta, seguendo il filo, potremo provarci a unire quelli che amano la ciambella e odiano visceralmente le crostate di frutta. O chi pretende solo e soltanto mare d’estate e montagna d’inverno, sordo a qualunque compromettente alternativa. 

Ma Beppe Grillo e Casaleggio c’erano riusciti, nell’impresa che a Pannella col partito dell’Amore non riuscì (ma non fu anche quella una visione avanti coi tempi?). Il duo aveva messo su un sistema perfetto, che continuava a funzionare come un orologio, reggendi anche alla costante, e potenzialmente distruttiva, crescita del consenso. 

A patto di non andare mai al governo. 

Al governo quel sistema si é scontrato con i mille compromessi quotidiani, con l’opacità necessaria, le mezze bugie e le mezza verità, con il sangue e la merda della real politik.

Anche il più perfetto strumento tecnologico è pensato e realizzato per funzionare nell’aria. Messo nell’acqua va in corto circuito, e non funziona più. L’aria (fritta spesso e volentieri) è l’opposizione, l’acqua è il Governo. 

Per manipolare l’acqua e asservirla agli umani scopi bisogna conoscere la fisica, studiare la chimica, saper costruite dighe. O quanto meno saper nuotare, per reggersi a galla senza affogare; ammesso che galleggiare serva a qualcuno (visto che la politica italiana “galleggia” da venti anni e si guarda bene dal manipolare alcunchè; e anche l’azione renziana sembra destinata solo a scrivere promesse sull’acqua).

E comunque pare evidente. Anni e anni a interrogarsi su come disinnescare la forza e palesare i limiti e le contraddizioni del Movimento. 

Quando bastava solo buttarlo in acqua.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *