Close

Democrazia e Sviluppo - Il Blog

Civati è uscito. E i civatiani?

In Uncategorized on May 8, 2015 at 8:30 am

image

“Siamo con Pippo, che è uscito dal Pd, anche se rimaniamo nel PD” – sintetizzo

“Siamo civatiani in stand-by”

“Vediamo che succede dopo il voto amministrativo”

Queste le dichiarazione di oggi dei 2 civatiani lucani (pare in effetti non ne siano rimasti altri, a meno di non affibbiare etichette ad altre cose, tipo chiamare tirannosauri le lucertole, e poter gridare all’inveasione di massa dei dinosauri!).

Affermazioni che vogliamo tradurre dal politichese, ad uso e consumo dei nostri lettori meno smaliziati. Sostanzialmente questa cosa significa:

“Aspettiamo di vedere dove si ferma la pallina, solo allora decideremo su quale numero puntare (e sì, ci piace sempre vincere facile). Vedremo quindi cosa ci offrirà il PD per rimanere nel PD, e cosa ci offrirà Civati per andare con Civati.”

Una cosa è certa: rispetto a questo modo giurassico di fare politica (di politica in realtà se ne fa poca, ma di carriera se ne fa tanta) noi staremo sempre dall’altra parte.

  1. A parte il caso specifico dei parlamentari in questione, che non conosco, direi che la tua valutazione è ingenerosa se applicata alla generalità dei “civatiani”.
    Ce ne sono molti che si sono impegnati a livello locale nel Pd come Civati ha sempre invitato a fare, alcuni si sono coerentemente candidati nelle elezioni amministrative e sarebbe abbastanza paradossale gettare la spugna oggi.
    La mia opinione è che gli spazi politici nel Pd siano già strettissimi e he, dopo il voto, si stringeranno ancor di più; per questo, nel giro di pochi mesi la diaspora potrebbe ricominciare. Ma oggi non è così strano, nè in malafede, che molti civatiani rimangano

    • A parte il caso in questione? Parlo solo del caso in questione.

    • Silvia, leggo solo ora questo tuo commento. Una parte di questi “civatiani” nelle prossime elezioni amministrative sono alleati con la destra (forza Italia, Fratelli d’italia etc etc). Solo per informare.

  2. Quelli che ho sentito io (in Veneto) paiono tutti intenzionati a restare. E non è questione di “offerte”, ma piuttosto di qualcosa simile a quello che scriveva Serra sulla sua “amaca” di ieri.
    Ed è proprio la ragione per la quale la scelta di Civati non mi entusiasma

  3. C’è un mare di gente che ha strumentalizzato e adoperato Pippo come cavallo di Troia per trovare spazio e visibilità nel partito. Detto questo, senza nessun progetto, senza nessuna indicazione, che senso ha seguire l’uomo (prassi che dubito possa denotare un comportamento maturo, saggio e ragionevole)? La mia idea di attività politica non presuppone di seguire le persone. Si segue un progetto, questo per me ha senso, ma visto che al momento non c’è nulla e che negli ultimi tempi molto si è sgretolato del programma originale, si continua a lavorare per recuperare la sinistra nel PD. Quel che è certo è che manterrò sempre il mio sguardo critico sulle cose.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *