Democrazia e Sviluppo - Il Blog

Un PD senza porte girevoli?

In Uncategorized on February 12, 2015 at 7:23 pm

Apprendo che il PD di Matera ha rigidamente applicato il regolamento per il quale chi non ha rinnovato la tessera al partito per il 2014 decade automaticamente da tutti gli organi dirigenziali.

Capisco, e sono testimone, della difficoltà di rimanere a lottare e militare in un partito in un momento in cui a molti livelli esso appare lontano da una certa storia, e da valori che dovrebbero essere suo patrimonio indiscusso.

La scelta di non rinnovare la tessera è una scelta difficile, rispettabile, un grido di allarme che non può rimanere inascoltato, e deve porci mille interrogativi.

Tuttavia la pretesa che siano altri a imporre la nostra permanenza in un partito nel quale si dichiara apertamente di non voler restare (magari giustamente, eh), è quantomeno schizofrenica. E la tessera a intermittenza, come la lampeggiante dei carabinieri, che si accende solo quando fa comodo, non l’hanno – fortunatamente – ancora inventata; anche se, nei fatti, molto la usano indebitamente da molto tempo.

E’ quindi forse il caso di essere tutti un po’ più seri.

Mi auguro sia solo l’inizio: ne guadagnerà la chiarezza, e l’auspicato senso di appartenenza ad una idea di politica, che è tutto da recuperare.

  1. […] O peggio: vestirsi da vittima, gridare all’epurazione, alla mancanza di democrazia. Se no come ho scritto già ieri, è schizofrenia.  La gente, davvero, non capisce, una volta che conosce i […]

  2. I gruppi dirigenti territoriale rinnovano la tessera solo a chi la pensa come loro

    • non è vero l’ho rinnovata pure io. Scherzi a parte c’è stata una festa del tesseramento in piazza. Fidati che le occasioni non sono certo mancate.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Close