Close

Democrazia e Sviluppo - Il Blog

L'ultima frontiera delle truffe online

In Marketing e Società on November 28, 2014 at 9:54 am

tw

Ricevo la mail di un amico, insolita. La apro, l’amico mi comunica di essere bloccato a Cipro, bisognoso d’aiuto. Mi chiede di aiutarlo e mandargli mille euro per coprire generiche spese.

Mi insospettisce il linguaggio troppo formale, quindi sgrano gli occhi per vedere meglio il nome del mittente: oh, sembra proprio lui. Ma capisco subito che è una truffa online. Ne ho viste troppe per non riconoscerle.

Clicco sul tasto “rispondi” e si svela l’arcano: l’indirizzo è quasi simile a quello reale, tranne per un piccolo particolare: il dominio non è “gmail.com” bensì “mail.com“. Tutto il resto combacia: nome, cognome, prefisso di posta elettronica, il fatto che effettivamente ci conosciamo, ecc.

Una truffa ben congegnata, in grado di trarre in inganno il meno scafato di noi, i più creduloni, disattenti, e chi possiede filtri potenti dei nostri. Sono certo che rispondendo alla richiesta d’aiuto, seguirebbe la richiesta di invio del denaro. Mandandoglielo, nulla più; o, al contrario, sarebbero continuate le richieste di invio del denaro adducendo pietose motivazioni, e mungendo la mucca fino all’ultima goccia di latte.

Ovviamente basta una telefonata per svelare la truffa.

Ma segnalo la cosa, perché i vecchi metodi prevedevano un invio massifico di mail, nella speranza che qualcuno abboccasse. E qualcuno, immancabilmente, abboccava sempre.

Oggi pare invece che i nostri truffatori si siano adeguati al mercato, personalizzando e confezionando a misura lo strumento, l’amo e l’esca per l’aggancio.

Una nuova frontiera delle truffe online; forse meno redditizia per chi le pratica, ma certamente più pericolosa per chi le subisce.

#ocio

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *